Skip to main content

La videoconferenza è diventato uno strumento semplice ed accessibile, alla portata di tutti. Ma solo poche persone riescono a presentarsi sotto una buona luce in video. Una buona illuminazione può dare al tuo video un aspetto nitido e professionale.

L’aspetto conta: le prime impressioni sono sempre molto importanti e questo vale senz’altro anche per la videoconferenza. Una scarsa o errata illuminazione può mettere in discussione la professionalità delle persone. Nell’era del lavoro da remoto, un’immagine video professionale aiuta ad aumentare la fiducia ed ha un impatto paragonabile a quello che aveva il nostro abbigliamento lavorativo.


7 consigli utili per illuminare le tue videoconferenze


Alcuni di questi consigli non costano nulla e sono facilmente realizzabili. Se invece
vuoi ottenere il massimo, dovrai investire nell’acquisto di alcuni accessori hardware.
Una buona illuminazione aiuterà a darti il giusto aspetto esecutivo e professionale.

  • Scegli lo sfondo giusto
    Una riunione efficace richiede uno sfondo appropriato. Scegli superfici semplici
    come pareti bianche o una stanza ordinata, evita sfondi disordinati e
    sovraccarichi: ricorda che se ti colleghi da un ambiente domestico non
    opportuno (es. cucina o camera da letto) e le persone collegate con te lo
    noteranno subito. Se non hai valide alternative, prendi in considerazione di
    adottare un background virtuale: eviterai di mostrare sfondi inopportuni.
  • Posiziona la sorgente di luce di fronte
    La prima regola per una buona illuminazione è assicurarsi che il soggetto sia
    illuminato frontalmente e non alle sue spalle. Le webcam si adattano alla
    sorgente di luce più potente rilevata nell’inquadratura; se il tuo volto risulta in
    ombra, la tua webcam si focalizzerà sullo sfondo luminoso, sfuocando la tua
    immagine. L’occhio umano è naturalmente attratto dalle aree più illuminate. Una
    fonte di luce posteriore trasforma lo sfondo nell’area più luminosa e il tuo viso in
    quella più scura. Un modo efficace per ottenere un’illuminazione frontale
    equilibrata e diffusa è posizionare la scrivania di fronte ad una finestra.
  • Usa il trucco dello schermo bianco
    Devi partecipare ad una riunione online importante?Usa Il trucco dello schermo
    bianco. Ti serve un monitor di riserva: apri un documento Word e imposta la
    luminosità al massimo. Otterrai una buona illuminazione e abbatterai eventuali
    ombre.
  • Usa lampadine LED
    La fonte di luce uniforme più diffusa. Le lampadine LED offrono un’ampia scelta
    di temperature di colore e impostazioni di luminosità. Se vuoi ottenere una luce
    diffusa, punta la lampada verso una parete vicina. Il muro rifletterà la fonte,
    aiutandoti ad ottenere un aspetto equilibrato e diffuso. Anche un paralume può
    essere utile.
  • Usa sistemi di illuminazione LED ad anello
    Gli anelli o pannelli LED possono essere regolati e orientati, illuminano
    perfettamente il viso e creano sottili riflessi negli occhi. Un sistema LED ad
    anello e pannello regolabile è senz’altro una scelta top per una postazione in
    videoconferenza.
  • Scegli un sistema di illuminazione a due punti
    Nella maggior parte casi, un sistema a due sorgenti luminose è più che
    sufficiente. Per ottenerlo, hai solo bisogno di una luce ambiente e di un
    illuminatore ad anello. Se disponi di una sola sorgente, evita fonti luminose
    dall’alto perché creano ombre e ostacolano la messa a fuoco della webcam.
    Il modo più semplice per ottenere un sistema a due punti è posizionare il
    computer davanti a una finestra e utilizzare una lampada come luce di
    riempimento. Se invece non hai sufficiente spazio a disposizione, procurati una
    lampada ad anello Led e bilanciala con una normale lampada da scrivania.
    Per ottenere i migliori risultati, prova diverse impostazioni di luminosità e regola
    l’orientamento dell’anello/pannello fino a trovare la combinazione migliore.
  • Passa ad un sistema di illuminazione a tre punti
    L’illuminazione a tre punti è una delle tecniche di illuminazione più utilizzate da
    registi, videomaker, fotografi, YouTuber e creativi visuali digitali. L’illuminazione
    a tre punti prevede l’utilizzo di tre sorgenti luminose in altrettante posizioni. In
    questo modo, il professionista può controllare praticamente tutte le variabili per
    l’illuminazione di un soggetto.
    Ecco come impostare un sistema di illuminazione bilanciato su tre punti:
    Luce principale: deve garantire circa il 75% della luce totale sul tuo
    viso. Posizionala lateralmente con inclinazione di circa 45° rispetto al tuo
    volto mai di fronte.
    Luce di riempimento: deve essere più debole della luce principale e deve
    diffondersi in modo uniforme per riempire le ombre create dalla luce
    principale. Posizionare la sorgente di riempimento con la stessa angolazione
    della luce principale ma sull’altro lato.
    Luce posteriore: l’effetto controluce definirà il tuo contorno e darà
    tridimensionalità alla tua immagine. Installa la retroilluminazione dietro di te e
    fuori dal campo visivo inquadrato dalla webcam.
    Spazio: per ottenere un’illuminazione diffusa e di alta qualità, devi disporre di
    abbondante spazio. Una fonte luminosa troppo vicina può alterare la
    percezione del tuo video. Per contro, una sorgente luminosa troppo lontana
    provocherà ombre.

Conclusioni


Se vuoi ottenere il massimo dalle tue videoconferenze, presta molta attenzione
alla tua illuminazione.
Per le tue riunioni di tutti i giorni, adotta un sistema di illuminazione a due punti, con
una fonte di luce diffusa (finestra) e una lampada.
Per le riunioni importanti, aggiungi una lampada anulare led e orientala per
abbattere eventuali ombre e definire il tuo viso.


Non ti resta che testare il tuo sistema di illuminazione sul campo: inizia ora la tua
prova gratuita su KeyMeeting!

Leave a Reply

Richiesta informazioni

Inserisci i tuoi dati e provvederemo a ricontattarti.